Minicar. A Roma sgominata banda di giovanissimi, rapinavano coetanei

In scooter, rapinavano le minicar
In scooter, rapinavano le minicar

Circa dieci, le rapine messe a segno da quattro giovanissimi (un maggiorenne, gli altri minorenni) negli scorsi giorni, tutte le vittime erano a bordo di minicar. I giovani infatti avevano preso come obiettivo alcuni coetanei a bordo delle “vetturette”, agendo sempre nella medesima maniera.

Affiancavano a bordo dei loro scooter le minicar ai semafori e, puntando un coltello, si facevano consegnare il bottino (contanti e cellulari) dalle vittime, dileguandosi poi nel traffico.

Le forze del’ordine seguivano da tempo i giovani malviventi, riuscendo a bloccarli proprio durante il corso di una rapina. Perquisite le case, gli agenti hanno trovato cellulari, contanti, collane d’oro e anche qualche piccola dose di marijuana, tutto frutto dei furti commessi.

Il giovane maggiorenne è ora a Regina Coeli, i tre minorenni, sono stati denunciati a piede libero.

Approfondisci

Minicar. E se fosse successo con uno scooter?

Minicar. E se fosse successo con uno scooter?
Minicar. E se fosse successo con uno scooter?

Dopo alcuni episodi che hanno visto coinvolte le minicar in incidenti stradali, sono state raccolte alcune testimonianze rilasciate ad alcuni giornali locali, da parte dei genitori dei ragazzi coinvolti, con dichiarazioni davvero importanti e rassicuranti per il mondo e la sicurezza minicar.

A seguito di alcuni incidenti, proprio i genitori dei ragazzi coinvolti si sarebbero espressi con queste parole: “se fosse stato in motorino, non sarebbe stato lo stesso”, sottolineando il fatto che la minicar è dotata di una sicurezza maggiore rispetto a qualunque mezzo a due ruote.

Continuano tuttavia i paragoni inutili, “le minicar sono auto a tutti gli effetti”, si legge sul web, tra i commenti della gente e sui giornali. Ditelo a chi ha provato questa esperienza, a chi ha un figlio che guida una minicar e ha avuto un incidente, diamo il giusto peso alle cose, la minicar è un quadriciclo leggero, comparabile con un normale mezzo a due ruote con stessa cilindrata, comparabile a un’ape piaggio per intenderci.

Ci vuole istruzione, in strada per i giovani alla guida, e fuori, per chi scrive senza informarsi e per chi legge informandosi male. Noi di Minicarnews qualche testimonianza la abbiamo raccolta, genitori convinti di aver fatto la scelta giusta per il proprio figlio, sperando nella continua crescita (e così è) del livello di sicurezza sulle minicar, grazie a nuovi dispositivi e innovazioni, frutto dello sforzo e dell’impegno dei costruttori di minicar.

Approfondisci

Minicar. 4 ruote, cinture e un abitacolo le rendono più sicure di qualsiasi scooter o motorino

Minicar. Comode e sicure, perchè colpevolizzarle?
Minicar. Comode e sicure, perchè colpevolizzarle?

Gli attacchi sul web alle minicar proseguono, senza sosta, con poca conoscenza, con paragoni assurdi quanto incomprensibili di queste microvetture (non autovetture) alle normali automobili e non verso la giusta categoria a cui andrebbero associate, i quadricicli leggeri.

Sono come gli scooter, come i semplici ciclomotori, con la differenza che i dispositivi di sicurezza sviluppati dai costruttori per garantire un livello sempre maggiore di protezione al guidatore, funzionano e sicuramente risultano più affidabili rispetto a un normale veicolo a due ruote.

I progressi, le nuove anteprime e novità, lo studio di nuovi sistemi di sicurezza sulle minicar continuano, senza sosta per arrivare si a raggiungere i livelli di vere automobili, ma non per essere paragonate a queste, basti semplicemente pensare al peso di una minicar (350kg) rispetto al peso medio di un automobile (1000kg), come si può paragonarle?

La scarsa informazione, gli esempi di incidenti di minicar con mezzi pesanti (bus o automobili) sono sul web, perchè allora non marcare anche gli incidenti tipo:”Minicar in un burrone. Il guidatore 17enne illeso” e parlare di quali sarebbero state le conseguenze su un semplice ciclomotore a due ruote.

Quale mezzo scegliere per la sicurezza di un giovane allora? A voi la riflessione.

Approfondisci