Corrado Capelli: “per risanare il settore intervenire su assicurazioni e infrastrutture”

Confindustria ANCMA
Confindustria ANCMA

“Senza un’inversione di tendenza della situazione economica generale è difficile fare previsioni sul mercato delle 2 ruote, per i prossimi mesi”, ha dichiarato Corrado Capelli, presidente di Confindustria ANCMA, commentando i risultati del settore nel 2011. “Certo è che se si favorissero le condizioni di credito al consumo e si riducessero le tariffe assicurative, l’intero settore ne gioverebbe”. Le cifre relative al mercato delle 2 ruote si possono estendere anche al mondo dei quadricicli leggeri. Il 2011, infatti, è stato un anno molto impegnativo nel quale i grandi brand hanno fatto i conti con una forte flessione del mercato. “Basterebbe convincere il 30% di chi si rivolge al mercato dell’usato a passare al nuovo per tornare ai numeri pre-crisi”, ha affermato Claudio De Viti, direttore del settore moto di Confindustria ANCMA. Nel 2011 sono stati 255.058 i veicoli immatricolati con cilindrata superiore ai 50cc. Di questi gli scooter sono 172.030, pari al -18,8%; le moto invece 82.963, per un -11,4%. Sono diminuite anche le immatricolazioni di “cinquantini”, 71.227 mezzi, dunque -17,1%. Complessivamente il mercato si è fermato a 326.220 veicoli e rispetto all’anno precedente il settore ha perso oltre 66.000 clienti.

Approfondisci

La crisi si fa sentire nel mondo delle 2 ruote e dei quadricicli

Migliorare la sicurezza quadricicli
Migliorare la sicurezza quadricicli

Dati contrastanti per le immatricolazioni di gennaio (veicoli maggiori di 50 cc) con gli scooter che confermano i volumi del 2011, con 8.006 pezzi venduti, pari al -0,1% rispetto allo stesso mese dello scorso anno; mentre le moto con 4.166 unità mostrano un consistente calo del -22,9%. Complessivamente l’immatricolato con 12.172 veicoli segna un -9,3%. Questo periodo vale in media sul totale anno circa il 5%.
Per i “cinquantini” non si modifica il trend in calo con 3.021 consegne pari al -15,2%.
“Non possiamo dichiararci soddisfatti di un mercato che mostra ancora una flessione, tuttavia alcuni segnali positivi emergono dai dati relativi agli scooter. Grazie ad alcuni nuovi modelli, particolarmente attesi dai clienti, si nota una tenuta delle vendite e un rinnovato interesse per la categoria. Purtroppo sono in sofferenza le moto che si erano difese meglio l’anno scorso. Particolarmente significativo l’incremento degli scooter a Milano e provincia, da 545 a 738 vendite +35,4%, dato da correlare alla congestion charge introdotta nell’area C del centro storico. In merito all’andamento del totale Italia, almeno non leggiamo solo cali a due cifre come l’anno scorso.” – afferma Corrado Capelli, Presidente di Confindustria ANCMA (altro…)

Approfondisci