Aixam

Cambia la legge. In due sulla macchinetta a 16 anni

Da oggi cade un divieto storico per condurre un passeggero sui ciclomotori fino a 50 cc, su moto fino a 125 cc di cilindrata e naturalmente sulle minicar: finora era indispensabile che il conducente fosse maggiorenne, ora si scende a 16 anni. Resta indispensabile, però, onde evitare multe, che chi è alla guida abbia la patente Am (per guidare il ciclomotore) oppure A1 (per motocicli di 125 cc) e B1.

Indispensabile anche che la moto sia omologata al trasporto di un passeggero. «A questo punto il divieto di circolazione in due – spiega l’Asaps, Associazione amici sostenitori polizia stradale – resterà in vigore solo per i 14-15enni in motorino oppure nel caso di ciclomotori non idonei al trasporto di due persone».

Approfondisci

Nuova legislazione per le Minicar in vigore dal 19 gennaio 2013

MINICAR: QUADRICICLO LEGGERO

Il quadriciclo leggero, in gergo chiamato anche minicar, secondo il codice della strada italiano (Art.53 h) è assimilato ad un qualsiasi motoveicolo o triciclo pur avendo quattro ruote facendo parte della categoria “L”.

Quadricicli a motore: veicoli a quattro ruote destinati al trasporto di cose con al massimo una persona oltre al conducente nella cabina di guida, ai trasporti specifici e per uso speciale, la cui massa a vuoto non superi le 0,55 t, con esclusione della massa delle batterie se a trazione elettrica, capaci di sviluppare su strada orizzontale una velocità massima fino a 80 km/h. Le caratteristiche costruttive sono stabilite dal regolamento. Detti veicoli, qualora superino anche uno solo dei limiti stabiliti sono considerati autoveicoli.

QUADRICILI LEGGERI E QUADRICICLI PESANTI
Che differenza c’è tra le due categorie? E’ semplice:
Quadricicli leggeri: veicoli la cui massa a vuoto è regolamentata a un limite massimo di 350kg, con una capacità di carico massima non superiore ai 200 kg. Sono equiparati ai ciclomotori e possono essere condotti con o senza patente, a seconda della legislazione in vigore in ciascun paese.
Quadricicli pesanti: questi quadricicli a seconda del loro utilizzo hanno limiti differenti:
Per il trasporto di persone, veicoli la cui massa a vuoto è regolamentata a un limite massimo di 400kg, con una capacità di carico massima non superiore ai 200 kg.
Per il trasporto di merci, veicoli la cui massa a vuoto è regolamentata a un limite massimo di 550kg, con una capacità di carico massima non superiore ai 1000 kg.
Nel calcolo della massa non è compreso il peso delle batterie per i mezzi dotati di motore elettrico.

LIMITI DI POTENZA DI UNA MINICAR

Potenza massima pari o inferiore a 4 kW, con una cilindrata massima di 50 cm³ per i motori ad accensione comandata, mentre non ci sono limiti di cilindrata per i motori termici di altro tipo o motori di altra natura, come i motori elettrici che non hanno una cilindrata, mentre non possono essere capaci di viaggiare a oltre 45 km/h (Codice della strada Art.53).

PATENTI DI GUIDA PER LA MINICAR

Patente AM per ciclomotori a 2 ruote (categoria L1e), tricicli leggeri, fino a 50cc e fino a 45 km/h (categoria L2e), quadricicli leggeri (categoria L6e)

ETA’ DI ACCESSO ALLA MINICAR

Anni 14: Veicoli della patente AM, solo sul territorio nazionale, purché non trasportino altre persone oltre al conducente
Anni 18: Veicoli della categoria AM che trasportano altre persone oltre al conducente

I veicoli di categoria AM (ciclomotori a 2 e 3 ruote, quadricicli leggeri) possono essere guidati con qualsiasi categoria di patente superiore.

TRASPORTO DI PASSEGGERI SU UNA MINICAR

Una minicar è un veicolo a due posti che permette di trasportare un solo passeggero.
È vietato trasportare un bambino di età inferiore a 10 anni sul sedile anteriore di un veicolo a motore, eccetto nei seguenti casi:
il bambino viene trasportato, voltando le spalle alla strada, con un sistema di sicurezza omologato appositamente realizzato per essere installato sul sedile anteriore del veicolo;
il veicolo non è dotato di sedili posteriori o se i sedili posteriori non sono dotati di cinture.

CINTURE DI SICUREZZA OBBLIGATORIE

La cintura di sicurezza è obbligatoria.
Sulla strada, ogni conducente o passeggero di un veicolo a motore deve allacciare la cintura di sicurezza omologata se il sedile occupato ne è dotato. Ogni sedile dotato di una cintura di sicurezza deve essere occupato da una sola persona.

ALTRE DISPOSIZIONI

Sono fatti salvi i diritti acquisiti dai titolari di certificato di idoneità alla guida del ciclomotore o di patenti rilasciate anteriormente alla data di applicazione del decreto. Viene esteso anche ai titolari di patente A2, A e B1 il divieto di oltrepassare la velocità di 100 km/h in autostrada e di 90 km/h sulle strade extra-urbane principali, per i primi 3 anni dal conseguimento della patente. Vengono introdotte sanzioni amministrative per i minorenni muniti di patente AM, A1 o B1 che trasportino altre persone oltre al conducente.
Ricadono sotto le disposizioni della nuova direttiva i candidati che sostengono la prova pratica a partire dal 19 gennaio 2013 (ad es. il candidato che sostiene con successo l’esame teorico a dicembre 2012 e supera la prova pratica di guida a febbraio 2013 rientra nel nuovo regime).

NOTA BENE

Per effetto dell’entrata in vigore della Direttiva comunitaria, il certificato di idoneità alla guida del ciclomotore (CIGC) viene sostituito dalla patente AM: quest’ultima è un documento di guida a tutti gli effetti, assimilato alle altre patenti di guida. Ne consegue che le deroghe precedentemente riconosciute agli aspiranti al CIGC (esentati dal superamento dell’esame teorico e pratico se maggiorenni alla data del 30 settembre 2005) decadono. Il candidato minorenne o maggiorenne al conseguimento della patente AM dovrà pertanto ottenere il rilascio di un certificato medico attestante il possesso dei requisiti psico-fisici, sostenere con successo un esame teorico e un prova pratica di guida.
Si ricorda, infine, che il Decreto semplificazioni, convertito in legge nello scorso mese di aprile, ha eliminato l’obbligo, per gli utenti ottantenni, di sostenere una visita medica presso la commissione medica locale per il rinnovo della patente. Il documento si rinnova, pertanto, presso uno dei medici previsti dal codice della strada, con cadenza biennale.

Approfondisci

Riforma del Codice della Strada. Tutte le novità

Riforma del Codice della Strada. Tutte le novità
Riforma del Codice della Strada. Tutte le novità

Procede il cammino della riforma che porterà nuove regole sui comportamenti da adottare alla guida di minicar, ma anche di biciclette, motoveicoli e autoveicoli. Ecco le novità introdotte nel nuovo Codice della Strada divise per categorie di utenti.

MINICAR (auto guidate senza patente dai 14 anni in su):

* uso obbligatorio delle cinture
* divieto di aggirare la sospensione della patente guidando minicar o motorini
* divieto di “truccare” i motori non superiori a 50 cc di cilindrata, con multe da 389 fino a  1.556 euro comminati al meccanico, e da 148 fino a 594 euro per il proprietario (altro…)

Approfondisci

Nuovo Codice della Strada. Cosa cambia per le minicar?

Nuove regole per le Minicar
Nuove regole per le Minicar

Il “Sole 24 Ore” ha pubblicato, in un articolo estremamente dettagliato, tutte le modicihe al Codice della Strada introdotte dal decreto legislativo sulla sicurezza stradale che ha ottenuto all’unanimità il via libera della commissione Trasporti alla Camera. Alcune novità riguardano i proprietari presenti e futuri di minicar (i quadricicli leggeri la cui massa a vuoto è inferiore o pari a 350 Kg).

Oltre al giro di vite su chi trucca (anche a livello estetico) le vetture, il ddl introduce una serie di norme specifiche.

Dall’articolo si evince che (altro…)

Approfondisci

Arriva la prova pratica per le Minicar. Le novità dalla commissione Trasporti della Camera

Arriva la prova pratica per le Minicar
Arriva la prova pratica per le Minicar

La commissione Trasporti della Camera dei Deputati ha approvato una serie di modifiche alla riforma del codice della strada che riguardano anche le minicar. Il legislatore ha introdotto l’obbligo di una prova pratica di guida per condurre le minicar (un test che aiuterà soprattutto i più giovani a conoscere meglio, e non solo in modo teorico, le insidie della circolazione); inoltre nel nuovo codice della strada saranno introdotte sanzioni più dure per coloro che truccano i quadricicli leggeri e i ciclomotori, siano essi i proprietari o i preparatori. Saranno infatti punite severamente anche le officine che si presteranno a truccare le minicar. (altro…)

Approfondisci

Sicurezza e minicar. Come cambierà il nuovo codice della strada

Sicurezza e minicar. Come cambierà il nuovo codice della strada
Sicurezza e minicar. Come cambierà il nuovo codice della strada

Si parla tanto, spesso a sproposito, di sicurezza e minicar. Oggi è di moda dare contro alle microvetture perchè qualcuno si diverte a truccarne i motori, sfrecciando (magari ubriaco) per le strade trafficate della capitale. Chi nella vita ha posseduto un cinquantino o una qualsiasi due ruote sa perfettamente che essere protetti da un abitacolo è molto più sicuro di avere in testa un semplice casco.

Se un ragazzino trucca il ciclomotore, cambia la marmitta in barba alle omologazioni o gira senza casco ignorando le norme di legge, e poi si fa male in un incidente, nessuno può dare la colpa a chi produce il mezzo a due ruote. Sembra, invece, che quando le ruote diventano quattro la colpa di un atteggiamento contrario alla legge, come per magia, non sia più dell’imprudente autista, ma debba riversarsi sulla categoria. (altro…)

Approfondisci