Nuovi mercati. Minicar e due ruote alla conquista di Brasile e Cina

Minicar e due ruote alla conquista di Brasile e Cina
Minicar e due ruote alla conquista di Brasile e Cina

Per il settore delle minicar e delle due ruote il 2010 è stato un anno molto difficile. Oltre alla flessione del mercato dei “cinquantini”, i quadricicli leggeri hanno sofferto anche a causa della campagna di “disinformazione” che parte della stampa nazionale ha contribuito a creare. Nonostante questi dati, Confindustria Ancma guarda con fiducia al futuro cercando nuovi mercati e possibili sbocchi esteri in paesi in forte crescita, come la Cina e il Brasile, visti come potenziali acquirenti capaci di fornire nuovo vigore al settore dei cicli, motocicli e accessori.

È quanto emerso durante l’assemblea annuale di Confindustria ANCMA, l’associazione nazionale ciclo motociclo accessori guidata da Corrado Capelli, che si è svolta a Milano nei giorni scorsi. Nel primo semestre del 2010 le immatricolazioni di moto (con cilindrata superiore ai 50cc) segnano un calo delle vendite del 19% rispetto allo stesso periodo del 2009. Le vendite dei cinquantini calano del 6%, mentre tengono le bici, anche grazie agli incentivi. Il mondo dei quadricicli e delle minicar registra un calo pari all’11%, e destra molta preoccupazione tra i costruttori e gli importatori. Anche per loro l’ipotesi di aprire nuovi mercati in Cina e Brasiel sembra molto interessante.